“Duo”, un grandissimo piccolo album di Karlsson e Markusson

C’è qualcosa di ancestrale e misterioso in questo album così semplice e lineare in apparenza. Una qualità segreta, un arcano, che lo rende speciale, intellegibile a molti, anche a chi non frequenta il jazz. Un disco che fa (sof-)fermare, rallentare, ascoltare, riflettere. E anche per noi che il jazz lo amiamo invece visceralmente, resta comunque un mistero quanto potente possa essere un album solo piano e contrabbasso. In verità, uno dei miei album preferiti di tutti i tempi è Night and the City, di Kenny Barron e Charlie Haden, quindi per me esiste un precedente corposo. E in effetti Duo, primo album di Daniel Karlsson al pianoforte e Thomas Markusson al contrabbasso, pur essendo meno notturno, ha un’atmosfera simile: soffusa e intima, spesso introspettiva. Ed è probabilmente destinato a diventare anch’esso un classico.

Questo album ha la qualità delle cose che nella loro semplicità nascondono architetture complesse, come la linea continua di un bravo fumettista sa raccontare tutti i dettagli di una pittura intera.
Ci sono pause nell’esecuzione, omissis sia del piano che del contrabbasso, che riempiono l’emozione del non detto; e piccole note, quasi minuscole, che valgono come sinfonie. E c’è tantissimo jazz, ovviamente, tanto quello anni ’60 (non solo Evans ma anche cose meno conosciute in Italia, come il duo Jan Johansson e Georg Riedel) e chiaramente il new jazz nordico di cui Karlsson è uno degli innovatori; ma anche molti echi e rimandi ad altro − quasi delle allusioni: alla classica, al folk, al pop, percettibili per le orecchie più raffinate.
Le composizioni (comunque ricche di improvvisazione) sono di entrambi, e in generale prevale un equilibrio e uno scambio quasi raro anche nei ruoli, dove Markusson è spesso impegnato a livello melodico e non solo ritmico, e Karlsson dà sempre spessore e cadenza alla sua famosa mano sinistra. Su tutti i brani è difficile fare una scelta, forse quelli che spiccano maggiormente sono “A B”, “Bullerö”, “Psalmen” e “Röblues” con un lungo assolo di contrabbasso iniziale prima della dolcissima entrata del piano di Karlsson.
Un'altra perla di Brus & Knaster quindi, che conferma il fiuto di Göran Petersson. Su Daniel Karlsson ho già scritto moltissimo (l’ultima volta qui), ma sul talento appena scoperto di Thomas Markusson avrò ancora molto da raccontare!

“Duo”, Brus & Knaster, 2014

  1. A B
  2. Andra i Sjunde
  3. Minority
  4. Bullerö
  5. Popsnöret
  6. Psalmen
  7. Röblues
  8. Psaltaren
  9. Öjersjö
  10. Sweet Nile
  11. Valsen

Daniel Karlsson: pianoforte
Thomas Markusson: contrabbasso

This entry was posted in Articoli - Recensioni di musica. Bookmark the permalink.

Comments are closed.