City Nights: il jazz più rockettoso di Svezia

Un esordio molto solido, potente e consapevole questo dei City Nights, composto da alcuni fra migliori e più richiesti musicisti jazz svedesi di giovane generazione a cominciare da Andreas Hourdakis, chitarrista di Magnus Öström (Esbjörn Svensson Trio), Nils Jansson, la tromba più interessante della sua generazione, con Martin Höper grande groover al basso, e Chris Montgomery alla batteria, con la sua ricca e versatile punteggiatura.
L'album tocca e va immediatamente oltre il jazz rock, creando quasi uno stile nuovo, se vogliamo parlare di un genere. La libertà dal jazz e dal rock diventa il punto più distante da entrambi i poli, rendendo la fusione libera da schemi. Ci sono elementi di rock, indierock, jazz e di progressive, spesso usati in modo innovativo e inedito, inaspettato, con un risultato di fusione di strumenti e ispirazione il cui interplay è a volte proprio l'alchimia che rende ogni pezzo interessante e appiccicoso.
Un album che difficilmente si fa dimenticare, con un sound molto riconoscibile non solo per la maestria e il virtuosismo pieno di carattere di ciascun musicista, ma per la coerenza e la maturità dell'ispirazione.

Il primo brano, Engine Song, è il più rockettoso dell’album, forse il più semplice anche come ruoli, con Hourdakis che si esprime in modo abbastanza “classico” e la parte più jazzata affidata alla tromba di Janson, che tira fuori un motivetto molto fischiettabile. Si scende a un livello più viscerale con West Coast, dove i suoni sono più vicini ai conterranei Oddjob e scivolano verso la fusion anni ’70. Vicinanza con Oddjob anche per il terzo brano, Later, dove la chitarra di Hourdakis si fa più fortemente progressive. Pur mantenendo uno stile unitario il brano cambia spesso tonalità, muovendosi su nuova ritmica, con la tromba che sul finale diventa eterea a si intreccia con uno splendido crescendo di batteria e chitarra, prima dell’ultimo cambio di direzione.
Rakt fram si distingue per un basso trascinante e implacabile e una splendida linea di tromba, a tratti ruvida e sporca al punto giusto. La quinta traccia è Skinny Deep, dove all’inizio prevale un interplay giocoso, fino a che la chitarra di Hourdakis prende i suoi toni più riconoscibili lasciando poi spazio a tonalità molto seventies di Janson, con una magnifica batteria sul finale. Jockgrim è uno dei pezzi con la melodia più facile e accattivante, con una ritmica deliziosamente funky e solo la tromba a introdurre quale dissonanza più jazz, fino alla seconda parte dove è splendido e sciolto l’interplay tra la chitarra e basso di Montgomery.
In Onsen Höper fa meraviglie sincopate con la sua batteria con la tromba che cinguetta, mentre in Colors i suoni sono molto rock anni ’90 con la tromba che sembra un cantato femminile, appoggiato anche sulle tastiere dello stesso Janson. Gran finale con Told You So, che parte lenta, come una canzone della buonanotte, fino a prendere una tonalità quasi nostalgica: sembra una musica creata per un congedo alla fine di una rappresentazione teatrale, dove ogni attore entri in scena per ringraziare e salutare prima di uscire, con l’etereo assolo di tromba che dura fino all’ampissimo assolo prog-pinkfloydiano di Hourdakis, con tastiere e tromba che siglano il finale.

Come nasce questo progetto? Che cosa vi premeva trasmettere?
City Nights è un progetto nato una sera in cui tutti noi della band eravamo seduti a un tavolo a berci una birra insieme, a Stoccolma. Eravamo tutti dell’idea che dovessimo far nascere un gruppo fusion, e in effetti di lì a poco abbiamo iniziato a fare prove: ognuno ha portato un paio di pezzi e in pochissimo tempo avevamo materiale sufficiente per un album.

Avete altri progetti in ballo?
Sì, stiamo lavorando ai prossimi pezzi e siamo felicissimi di come stanno uscendo fuori a livello musicale: siamo pronti a entrare in studio in autunno, per uscire nella prossima primavera!

La commistione di generi ha reso complessa la comunicazione di questo disco?
Non proprio, i pezzi sono scritti in un modo tale per cui è molto semplice seguirne la direzione, e comunicarla è “rock ‘n roll in tempi dispari”.

“City Nights”, City Nights, Reach Up Music, 2013

  1. Engine Song
  2. West Coast
  3. Later
  4. Rakt Fram
  5. Skinny Deep
  6. Jockgrim
  7. Onsen
  8. Colors
  9. Told You So

Nils Janson: tromba, tastiere
Andreas Hourdakis: chitarra
Martin Höper: basso elettrico
Chris Montgomery: batteria

Jazzitalia

This entry was posted in Articoli - Recensioni di musica, Su JazzItalia. Bookmark the permalink.

Comments are closed.